Notizie e Comunicati stampa

Centro Socio Sanitario Giovannini – video denuncia: aperto ma senza personale

 

NOTA STAMPA – AZIENDA USL TOSCANA CENTRO 

 

Venerdì 9 marzo 2018  

In relazione alla denuncia video riguardo l'assenza di personale nel Centro Giovannini lo scorso giovedì primo marzo, l'Azienda Sanitaria precisa:

Durante la giornata del primo marzo si è verificata una riduzione delle attività e degli accessi alla struttura da parte dell’utenza per le condizioni critiche climatiche con nevicate e basse temperature che hanno determinato la formazione di ghiaccio.

Oltre alla scarsa affluenza degli utenti, per tutelare la sicurezza del personale in servizio è stata disposta la chiusura anticipata di alcuni servizi del Presidio Giovannini alle ore 17.30 ( CUP e Restituzione Referti ad accesso non programmato).

L’Azienda sanitaria ha prontamente attivato il Servizio di Vigilanza: alle ore 14.37 del primo marzo è stata inviata la richiesta alla Ditta Securitas Metronotte per la gestione, chiusura e piantonamento degli accessi lato “A” e lato “B” del Centro Giovannini dalle 17.30 alle ore 21.30 (chiusura serale). Prima dell’invio della richiesta, il referente della Securitas è stato avvisato telefonicamente della chiusura anticipata degli ambulatori per maltempo con richiesta di piantonamento dell’ingresso “A” e chiusura dell’ingresso “B”. Il referente della Securitas aveva assicurato il servizio di vigilanza spostando una unità di personale dal presidio ex Misericordia e Dolce al Centro Socio Sanitario Giovannini.

Della chiusura anticipata ne è stata data comunicazione all'utenza attraverso l'affissione di cartellonistica all'interno della struttura ed all'ingresso su entrambe le entrate.

L’Azienda Sanitaria ha richiesto una relazione alla Ditta Securitas Metronotte per verificare la presenza della Guardia Giurata a seguito della regolare attivazione. Al momento, Securitas non ha fornito nessun elemento. Qualora dalla verifica sia rilevata una inadempienza saranno attivate le procedure di contestazione.

Nel pomeriggio del primo marzo sono stati forniti sei appuntamenti CUP, restituiti 83 referti di laboratorio ed effettuati 100 prelievi di sangue rispetto agli oltre 200 appuntamenti CUP, 200 referti e 300 prelievi che sono effettuati giornalmente.

All’interno della struttura, si sono svolte attività programmate anche se ridotte: al primo e secondo piano, le visite in libera professione fino alle ore 18.00, le visite di neuropsichiatria infantile che si sono protratte oltre le ore 18.00 e le visite cardiologiche negli ambulatori dedicati al secondo piano. Ai piani erano presenti anche due addetti alle pulizie e gli operatori del servizio di Assistenza domiciliare.

Sempre nell’ora indicata nel video denuncia, nel piazzale esterno antistante la struttura era presente un operatore di ManutenCoop addetto allo spargimento di sale.

Si precisa anche che al lato sinistro degli ingressi “A” e “B” della struttura si svolgevano regolarmente le attività di medicina legale.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.