Se non puoi rispettare la data dell’appuntamento basta una mail. Così potrà prenotarlo un altro cittadino

Scritto da Daniela Ponticelli

E’ aumentato da parte dei cittadini l’utilizzo della disdetta della prenotazione tramite mail. Il servizio messo a disposizione dall’Azienda Sanitaria, quando non è possibile rispettare la data dell’appuntamento prenotato, per la vista o l’esame. Lo scorso settembre le disdette tramite mail erano state complessivamente 173; ad aprile di quest’anno ben 1.153 cittadini (156 a Empoli, 438 a Firenze, 224 a Pistoia e 335 a Prato) hanno usufruito del nuovo servizio, alternativo alla disdetta telefonica o di persona recandosi ai front-office dell’Azienda

.

Disdire l’appuntamento è importante: consente di migliorare l’efficienza del sistema a vantaggio di tutti i cittadini e far così diventare l’appuntamento nuovamente disponibile per chi, in quel momento, è in lista d’attesa e quindi per evitare di lasciare esami o visite “orfane”, come si definiscono in gergo sanitario.

Va anche ricordato che se la disdetta non viene comunicata almeno 48 ore prima di effettuare la prestazione l’Azienda si trova costretta a richiedere il pagamento del cosiddetto “malum” equivalente al ticket previsto per quella prestazione, anche in presenza di esenzione per patologia e/o reddito.


Gli indirizzi mail a cui inviare la disdetta:

Firenze: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Empoli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pistoia: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Prato: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Link alla sezione del sito "Disdidire un appuntamento CUP"

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.