Medico di famiglia

Domicilio sanitario

E' possibile ottenere l'iscrizione temporanea (per un periodo non inferiore ai 3 mesi e non superiore ad un anno, rinnovabile) presso una ASL diversa da quella di residenza solo nel caso in cui il domicilio, diverso dalla residenza, sia riconducibile a motivi di salute, studio o lavoro. In questo caso è necessario produrre la documentazione che attesti i requisiti necessari ad ottenere il domicilio sanitario (contratto di lavoro, certificazione di frequenza per corsi di studi, certificato per comprovati motivi di salute rilasciato dallo specialista Asl).

Per i cittadini stranieri in regola con le norme in materia di soggiorno sul territorio italiano, la scelta è a tempo determinato e ha validità pari a quella del permesso di soggiorno. All'atto della scelta viene rilasciata la tessera sanitaria regionale (da non confondere con la tessera europea T.E.A.M.) contenente oltre ai dati anagrafici, il codice regionale dell' assistito, il codice regionale e il nome del medico scelto.

La scelta di trasferire il proprio domicilio sanitario, e non la residenza, è possibile per tre motivi:

1 - lavoro, ma serve il contratto di lavoro
2 - studio, ma serve l'iscrizione all'università o altro
3 - assistenziali, ma serve la documentazione clinica che attesta lo stato di salute valutata dal medico di distretto

In tutti i casi è richiesta una valutazione amministrativa (1 o 2) o sanitaria (3).

Tale trasferimento può durare da un minimo di tre mesi ad un massimo di un anno.

In altre situazioni non è consentito.

Come fare:

L'iscrizione si fa agli sportelli ASL della Zona Socio Sanitaria di riferimento recandosi personalmente, o tramite il legale rappresentante del minore oppure tramite persona formalmente delegata.

Modulo

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.