Servizi e Attività

Esenzioni dal ticket per patologia - Esenzioni per patologie

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Tutti i cittadini, salvo gli esenti devono pagare le prestazioni di diagnostica strumentale, laboratorio e specialistiche fino all’importo massimo di 38 euro per ricetta.
Ogni ricetta può contenere al massimo otto prescrizioni della stessa branca specialistica.
Si può essere esentati dal pagamento del ticket per:

  • età e reddito;
  • motivi di salute o particolari condizioni di interesse sociale;
  • invalidità;
  • patologia;
  • malattie rare;
  • gravidanza,donazione di sangue,organi e tessuti;
  • programmi di diagnosi precoce dei tumori o di prevenzione collettiva.

Numerose esenzioni sono legate a stati patologici o invalidanti. Queste esenzioni possono essere totali o legate a specifiche e determinate prestazioni di specialistica ambulatoriale. Le esenzioni possono essere illimitate o avere una durata variabile.

È riconosciuto il diritto all'esenzione dal ticket ai cittadini affetti da determinate patologie croniche per le prestazioni appropriate ed efficaci per il trattamento della malattia,il monitoraggio e la prevenzione di ulteriori aggravamenti.

Tutti i cittadini, salvo gli esenti devono pagare le prestazioni di diagnostica strumentale, laboratorio e specialistiche fino all’importo massimo di 38 euro per ricetta.
Ogni ricetta può contenere al massimo otto prescrizioni della stessa branca specialistica.
Si può essere esentati dal pagamento del ticket per:

  • età e reddito;
  • motivi di salute o particolari condizioni di interesse sociale;
  • invalidità;
  • patologia;
  • malattie rare;
  • gravidanza,donazione di sangue,organi e tessuti;
  • programmi di diagnosi precoce dei tumori o di prevenzione collettiva.

Numerose esenzioni sono legate a stati patologici o invalidanti. Queste esenzioni possono essere totali o legate a specifiche e determinate prestazioni di specialistica ambulatoriale. Le esenzioni possono essere illimitate o avere una durata variabile.

È riconosciuto il diritto all'esenzione dal ticket ai cittadini affetti da determinate patologie croniche per le prestazioni appropriate ed efficaci per il trattamento della malattia,il monitoraggio e la prevenzione di ulteriori aggravamenti.

Normativa e approfondimenti

Il DPCM 12 gennaio 2017 individua le condizioni di malattia croniche e invalidanti che danno diritto all'esenzione dalla partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza sanitaria ad esse correlate.

Il DPCM non prevede l'esenzione per le prestazioni finalizzate alla diagnosi della malattia: il diritto all'esenzione è riconosciuto per la malattia già accertata.

È possibile consultare le patologie croniche e invalidanti riconosciute e le prestazioni a cui si ha diritto sul sito del Ministero della Salute.

Il diritto all'esenzione è riconosciuto dall'azienda sanitaria locale di residenza o di domicilio sanitario dell'assistito,sulla base della certificazione della malattia rilasciata dalle strutture del Servizio Sanitario Nazionale.

Esenzioni per patologie

I cittadini con patologie croniche ed invalidanti,possono richiedere l’attestato d’esenzione per patologia. Con questo attestato, ricevono gratuitamente le prestazioni sanitarie relative al monitoraggio della patologia e alle relative complicanze.

Le prestazioni eseguite per l'accertamento della patologia sono soggette al pagamento del ticket. L'attestato d'esenzione per patologia, può avere una data di scadenza: in questo caso, prima di tale data, occorre recarsi dal medico di famiglia per avere le informazioni utili. L'attestato di esenzione per patologia e invalidità,è rivolto ai cittadini residenti o domiciliati presso la propria Asl di residenza;iscritti al Servizio Sanitario Nazionale (SSN), ai quali è stata diagnosticata una patologia cronica e invalidante (in base al Decreto Ministero della Sanità 329/1999).
Per i cittadini che hanno domicilio sanitario nel territorio,dovranno sempre preventivamente registrare il proprio attestato di esenzione  per patologia o invalidità presso la propria Azienda Sanitaria di residenza e successivamente nell'Azienda Sanitaria di domicilio. Il cittadino che ha già l’attestato con il codice d’esenzione, rilasciato da una struttura sanitaria pubblica,privata oppure da uno specialista,deve recarsi presso gli uffici amministrativi della propria Asl di appartenenza,per registrare l'attestato d’esenzione per patologia.Il cittadino che ha la documentazione sanitaria e deve richiedere l'attestato con il codice d’esenzione per patologia, deve recarsi dal medico di comunità.
Il medico, valuta la documentazione sanitaria e rilascia l'attestato con il codice di esenzione per patologia.
Si ricorda che per quanto riguarda l'esenzione per invalidità civile si ottiene solo dopo il riconoscimento di invalidirà  da parte della Commissione Invalidi Civili.

Malattie rare

Sono erogate in esenzione tutte le prestazioni appropriate ed efficaci per l'accertamento, il trattamento e il monitoraggio della malattia rara e per la prevenzione degli ulteriori aggravamenti.

I pazienti affetti da patologie rare riconosciute con DPCM 12 gennaio 2017 e Delibera di Giunta regionale 962/2017 devono presentare alla propria ASL di residenza il documento di certificazione (di cui alla Delibera Giunta Regionale Toscana 176/2017), valido per il rilascio degli attestati di esenzione.
Solo i presidi ai quali è stato riconosciuto il ruolo di certificazione per esenzione sono abilitati alla compilazione del documento. L'esenzione riguarda:

  • le prestazioni finalizzate alla diagnosi;
  • le indagini genetiche sui familiari dell'assistito se necessarie ai fini della diagnosi di malattia rara di origine ereditaria.

I relativi oneri sono a totale carico dell'azienda unità sanitaria locale di residenza dell'assistito. Per ulteriori informazioni è possibile consultare anche il sito della Regione Toscana (informazioni anche su Celiachia).

Informazioni

Alcune informazioni utili da sapere per l'esenzione da patologia:

La data da prendere a riferimento per accertare il diritto all'esenzione è la data della prescrizione e non la data di esecuzione della prestazione.

L'esenzione per patologia cronica e malattia rara può essere utlizzata dal cittadino,dal giorno della registrazione sull'applicativo in poi, da parte dell'Azienda Sanitaria.

La normativa ha modificato le esenzioni per Ipertensione arteriosa ed i relativi codici. Per coloro che erano in possesso di tale esenzione la nuova codifica è stata effettuata in automatico sul software. La nuova esenzione riduce le prestazioni correlate alla patologia. Qualora il cittadino ritenga di rientrare nella casistica di "ipertensione arteriosa con danno d'organo", dovrà attivare con lo specialista il percorso per il riconoscimento di tale esenzione.

Alcune malattie rare sono state riclassificate come malattie croniche e viceversa: a tutti i cittadini è stato inviato il nuovo certificato di esenzione aggiornato (vedi Strutture di coordinamento per le patologie rare).

Le malattie rare sindrome di Kawasaki e apnea infantile non danno piu' diritto al rilascio dell' attestato di esenzione. Tutti i cittadini in possesso di tali esenzioni sono stati avvisati.

La 048 per i primi cinque anni è applicabile a tutte le prestazioni per tutte le patologie. Il medico non ha potere discrezionale nel riconoscere o meno l'applicazione di tale esenzione,in quanto trattasi di esenzione totale;l'operatore di accettazione dovrà  pertanto applicare tale codice anche se non presente in prescrizione. L'esenzione 048 oltre i cinque anni puo' essere applicata solo se indicata dal medico prescrittore sulla ricetta. Per il rilascio di 048 dal sesto al decimo anno non è necessria documentazione medica. La decorrenza parte dalla data di scadenza dei primi cinque anni. Allo scadere del decimo anno dal primo rilascio l’esenzione 048 scade definitivamente. Per rinnovarla l’utente deve fare una valutazione oncologica presso il CORD (Centro Oncologico di Riferimento Dipartimentale) di competenza che lo ha in carico e dove ha fatto la diagnosi e/o i successivi controlli.La conseguente validità di cinque anni decorre dalla data della prima diagnosi.

Cosa fare per il riconoscimento dell'esenzione. Il diritto all'esenzione è riconosciuto dall'azienda sanitaria locale di residenza o di domicilio sanitario dell'assistito, sulla base della certificazione della malattia rilasciata dalle strutture del Servizio sanitario nazionale (vedi come chiedere l'esenzione per patologie rare).

Sono valide ai fini del riconoscimento dell'esenzione anche: le certificazioni rilasciate da commissioni mediche degli ospedali militari; la copia della cartella clinica rilasciata dalle commissioni mediche degli ospedali militari; la copia del verbale redatto ai fini del riconoscimento di invalidità; la copia della cartella clinica rilasciata da Istituti di ricovero accreditati e operanti nell'ambito del SSN,previa valutazione del medico del distretto.

L'esenzione per patologia  è rilasciata dalla ASL di residenza. Pertanto l'assistito domiciliato nell'Azienda USL Toscana Centro deve richiedere l'attestato alla propria ASL di Residenza. In questo caso l'esenzione 048 primi cinque anni non sarà totale ma solo per le prestazioni correlate alla patologia ad esclusiva individuazione del prescrittore.

Esenzione totale o parziale: le esenzioni per patologia cronica ed invalidante,possono essere totali o legate a specifiche e determinate prestazioni di specialistica ambulatoriale, riconosciute come appropriate ed efficaci per il trattamento della malattia,il monitoraggio e la prevenzione di ulteriori aggravamenti. Le esenzioni possono essere illimitate nel tempo o avere una durata variabile.

Cerca una malattia cronica e invalidante che dá diritto all'esenzione dalla partecipazione al costo (ticket) delle prestazioni sanitarie (vedi Banca dati).

Gli attestati di esenzione, rilasciati o rinnovati dalle ASL, non potranno avere una validità inferiore a quella fissata nell’allegato 1 al DPCM 12 gennaio 2017.

 

Zona Empolese Valdarno Inferiore

Zona Firenze

Zona Fiorentina Nord Ovest

Zona Fiorentina Sud Est

Zona del Mugello

Zona Pistoiese

Cittadino in possesso dell'attestato con codice d’esenzione
Il cittadino che ha già l’attestato con il codice d’esenzione, rilasciato da una struttura sanitaria pubblica, privata oppure da uno specialista, deve recarsi presso gli uffici amministrativi delle sedi distrettuali, per registrare l'attestato d’esenzione per patologia.

Cittadino con documentazione sanitaria ma non in possesso dell'attestato con codice d’esenzione
Il cittadino che ha la documentazione sanitaria e deve richiedere l'attestato con il codice d’esenzione per patologia, deve recarsi dal medico di comunità della sede distrettuale, su appuntamento. Il medico valuta la documentazione sanitaria e rilascia l'attestato con il codice di esenzione per patologia. Si ricorda che per quanto riguarda l'esenzione per invalidità civile si ottiene solo dopo il riconoscimento di invalidirà da parte della Commissione Invalidi Civili.

Orari dei medici presso le sedi distrettuali:

 

  • Pistoia - ex presidio ospedaliero Ceppo, piazza Giovanni XXIII
    Orario: da lunedì a venerdì ore 8.00-12.30 e sabato ore 8.00-12.00

 

Zona della Val di Nievole

Zona Pratese

Cittadino in possesso dell'attestato con codice d’esenzione
Il cittadino che ha già l’attestato con il codice d’esenzione, rilasciato da una struttura sanitaria pubblica, privata oppure da uno specialista, deve recarsi presso gli uffici amministrativi delle sedi distrettuali, per registrare l'attestato d’esenzione per patologia.

Cittadino con documentazione sanitaria ma non in possesso dell'attestato con codice d’esenzione
Il cittadino che ha la documentazione sanitaria e deve richiedere l'attestato con il codice d’esenzione per patologia, deve recarsi dal medico di comunità della sede distrettuale, su appuntamento. Il medico valuta la documentazione sanitaria e rilascia l'attestato con il codice di esenzione per patologia. Si ricorda che per quanto riguarda l'esenzione per invalidità civile si ottiene solo dopo il riconoscimento di invalidirà da parte della Commissione Invalidi Civili.

  • Prato (nord) - sede distrettuale, via Giubilei 16
    orario: da lunedì a venerdì ore 7.30-13.00
    modalità di accesso: chiamare il numero aziendale 0574 807300 Info Anagrafe Sanitaria Prato (da lunedì a venerdì dalle ore 7.45 alle 18.30), prenotazione appuntamento tramite numero unico aziendale cup 055 54 54 54 tasto 2 (orari e giorni)

  • Prato (sud) - sede distrettuale, via Roma 427
    orario: da lunedì a venerdì ore 7.30-13.00
    modalità di accesso: chiamare il numero aziendale 0574 807300 Info Anagrafe Sanitaria Prato (da lunedì a venerdì dalle ore 7.45 alle 18.30), prenotazione appuntamento tramite numero unico aziendale cup 055 54 54 54 tasto 2 (orari e giorni)

  • Carmignano - sede distrettuale, via Redi 72
    orario: martedì, giovedì e venerdì ore 7.30-13.00
    modalità di accesso: chiamare il numero aziendale 0574 807300 Info Anagrafe Sanitaria Prato (da lunedì a venerdì dalle ore 7.45 alle 18.30), prenotazione appuntamento tramite numero unico aziendale cup 055 54 54 54 tasto 2 (orari e giorni)

  • Montemurlo - sede distrettuale, via Milano 13/a
    orario: da lunedì a sabato ore 7.30-13.00
    modalità di accesso: chiamare il numero aziendale 0574 807300 Info Anagrafe Sanitaria Prato (da lunedì a venerdì dalle ore 7.45 alle 18.30), prenotazione appuntamento tramite numero unico aziendale cup 055 54 54 54 tasto 2 (orari e giorni)

  • Poggio a Caiano - sede distrettuale, via Giotto 1
    orario: lunedì, mercoledì e sabato ore 7.30-13.00
    modalità di accesso: chiamare il numero aziendale 0574 807300 Info Anagrafe Sanitaria Prato (da lunedì a venerdì dalle ore 7.45 alle 18.30), prenotazione appuntamento tramite numero unico aziendale cup 055 54 54 54 tasto 2 (orari e giorni)

  • Vaiano - sede distrettuale, via Val di Bisenzio 205/d
    orario: martedì, giovedì e venerdì ore 7.30-13.00
    modalità di accesso: chiamare il numero aziendale 0574 807300 Info Anagrafe Sanitaria Prato (da lunedì a venerdì dalle ore 7.45 alle 18.30), prenotazione appuntamento tramite numero unico aziendale cup 055 54 54 54 tasto 2 (orari e giorni)

 

Documentazione che occorre al cittadino già in possesso dell'attestato con codice d’esenzione:
- attestato con il codice d’esenzione per patologia regolarmente timbrato e firmato dal medico specialista;
- documento d’identità valido;
- tessera sanitaria;
- eventuale delega dell’interessato ad una persona di fiducia con documento del delegante e del delegato.

Documentazione che occorre al cittadino non in possesso dell'attestato con il codice d’esenzione:
- la cartella clinica;
- l’eventuale esame istologico;
- la relazione del medico/i specialisti;
- il documento d’identità valido;
- la tessera sanitaria;
- eventuale delega dell’interessato ad una persona di fiducia con documento del delegante e del delegato.

Costi e modalità di pagamento
L'attestato con il codice d’esenzione per patologia,viene rilasciato gratuitamente. L’attestato d’esenzione viene rilasciato subito dopo la valutazione del medico della sede distrettuale nel caso di cittadino residente a Prato.
Nel caso di cittadini domiciliati nel territorio pratese, occorre la previa registrazione presso la propria Azienda di residenza.

A chi rivolgersi in caso di rilascio e/o smarrimento
L’attestato d’esenzione, per il cittadino che ha già il certificato con il codice d’esenzione, viene rilasciato,anche in caso di smarrimento presso gli sportelli amministrativi delle sedi distrettuali.
I cittadini che non hanno già il certificato con il codice di esenzione devono portare la documentazione sanitaria prima al medico delle sedi distrettuali. Dopo la valutazione verrà rilasciato l'attestato di esenzione da patologia.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.