L’erogazione dei farmaci da parte del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) avviene, principalmente, attraverso due canali: l’assistenza farmaceutica territoriale e l’assistenza farmaceutica ospedaliera. I farmaci erogati dal Servizio Sanitario sono così differenziati:

  • Classe A: impiegati per patologie gravi, croniche e acute, sono a carico del Servizio Sanitario Nazionale, e totalmente gratuiti per il cittadino.
    Sono prescritti, su ricetta “rossa”, dal medico di famiglia o pediatra, dai medici di guardia, di pronto soccorso, specialisti ambulatoriali e ospedalieri.
  • Classe C: si usano per patologie di lieve entità, sono a carico del cittadino e necessitano di ricetta medica.
    Della classe C fanno parte anche farmaci acquistabili senza prescrizione, usati per disturbi lievi:
    - SOP (Senza Obbligo di Prescrizione): in etichetta c’è scritto “Medicinale non soggetto a prescrizione medica”
    - OTC (da banco: dall'inglese Over The Counter, sopra il banco): in etichetta si legge “Medicinale di automedicazione”
  • Classe H: gratuiti per il cittadino, ad esclusivo uso ospedaliero. In particolari casi vengono consegnati dalle farmacie ospedaliere per utilizzo extraospedaliero.

Esenzioni
Per pensionati di guerra con pensione vitalizia, vittime del terrorismo e loro familiari e in presenza di attestazione del medico di famiglia sono gratuiti anche i farmaci di classe C.

Farmaci equivalenti
Si dicono equivalenti i farmaci il cui principio attivo non è più coperto da brevetto ed hanno uguali composizione, forma farmaceutica, (cioè stesso aspetto, ad esempio compressa, fiala, pomata) ed indicazioni terapeutiche delle specialità corrispondenti.
Venduti a circa il 50% del prezzo del farmaco “di marca” sono soggetti a controlli che ne garantiscono uguale qualità, efficacia e sicurezza e sono prescritti con le stesse modalità.

 

DIPARTIMENTO DEL FARMACO

CENTRO AZIENDALE DI FARMACOVIGILANZA E DISPOSITIVOVIGILANZA

Piazza Santa Maria Nuova 1, Firenze

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
fax. 055 6938371

Direttore: Dr.ssa Maria Parrilli tel. 055 6938641
Collaboratori: Dr.ssa Valentina Borsi tel. 055 6938778
Dr.ssa Martina Del Lungo tel. 055 6938837
Dr. Maria Grazia Lai tel. 055 6938390
Dr.ssa Linda Giovannetti tel. 055 6938412



 

• I Referenti di presidio ospedaliero supportano gli Operatori Sanitari per le attività di Farmacovigilanza e Dispositivovigilanza:

Osp. S.S. Cosma e Damiano Pescia – Dott.ssa Simonetta Matteoni
Osp. S. Jacopo Pistoia – Dott.ssa Lucia Bonistalli
Osp. S. Stefano Prato – Dott. Francesco Rimoli, Dott.ssa Anna Lucia Marigliano
Osp. San Giovanni Di Dio Firenze – Dott.ssa Silvia Renzi, Dott.ssa Sara Bartolini
Osp. S. Maria Annunziata e Serristori Firenze – Dott.ssa Barbara Ferioli, Dott.ssa Laura Giannini
Osp. Borgo San Lorenzo Firenze – Dott.ssa Marina Bonuccelli, Dott.ssa Giovanna Borselli
Osp. S. Maria Nuova e Palagi Firenze – Dott.ssa Giovanni Ceriello
Osp. S. Giuseppe Empoli - Paola Becagli, Elisa Bonelli
Punto di Continuità presso AOU Careggi - Enrico Fiore, Mario Pittorru

Quando sono necessari interventi e/o terapie complessi, che non possono essere effettuati a casa o negli ambulatori, si può essere ricoverati presso la struttura ospedaliera in:
- Day hospital - Day surgery
- Ricovero ordinario
Day hospital - Day surgery
È un ricovero che di norma non supera le 12 ore. È sempre programmato dal medico di reparto, su richiesta del medico di fami-glia o altri specialisti, dopo aver valutato la patologia del paziente.
Il day hospital serve per eseguire prestazioni di carattere diagnostico-terapeutico o riabilitativo, mentre il day surgery consiste in un ricovero per procedure e interventi chirurgici.
Ricovero ordinario
Può essere d’urgenza, se il paziente viene ricoverato direttamente attraverso il Pronto Soccorso, o programmato se è disposto dal medico di reparto su richiesta del medico curante o dello specialista ambulatoriale.

Il consultorio

 

I servizi consultoriali presenti nel territorio dell’Azienda USL Tc (Empoli, Firenze, Pistoia e Prato) sono mantenuti attivi comprese le ecografie in gravidanza. Sono temporaneamente sospesi i corsi di preparazione alla nascita per tutelare le donne in gravidanza, in questo particolare periodo di emergenza sanitaria. L’Azienda, tuttavia, invita i cittadini ad utilizzare i servizi solo se effettivamente necessario ed eventualmente a disdire gli appuntamenti per le prestazioni rimandabili.
L’accesso ai Consultori è riservato solo a chi deve usufruire direttamente dei servizi. Si pregano i cittadini di presentarsi senza accompagnatore/i al fine di evitare affollamenti nelle sale d’attesa. Si raccomanda, inoltre di evitare di accedere ai consultori se sono presenti febbre e disturbi respiratori.

In questa fase, per comunicare con le ostetriche del consultorio in riferimento ad aspetti organizzativi, problematiche per appuntamenti, certificazioni, ci si può rivolgere ai seguenti numeri di telefono e mail (clicca qui).

Per informazioni più generali inerenti alla propria gravidanza o alla cura del bambino, accedi alla pagina sospensione corsi di preparazione alla nascita. 

Per comunicare con i ginecologi del consultorio, in merito a quesiti di tipo medico, scrivere una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

alert variazione orario e accesso

Accesso ai servizi ospedalieri e territoriali - tutti gli aggiornamenti

I Servizi per la salute mentale sono chiamati a mettere al centro del loro funzionamento la domanda di salute e il bisogno di cura delle persone, la richiesta di sostegno da parte dei familiari degli utenti, le sollecitazioni degli enti e degli organismi locali, in un rapporto di dialogo con la comunità locale e con le risorse in essa presenti. 
Il Dipartimento per la salute mentale deve operare per rafforzare i fattori che costituiscono la salute mentale e superare ogni forma di stigmatizzazione delle persone con disturbo mentale.

>Vedi anche: sito web Regione Toscana dedicato alla Salute Mentale.

Il servizio (Ser.D) fornisce cure e prestazioni di carattere sanitario, psicologico e sociale a persone con problemi di dipendenza da droghe (fumo, alcol, sostanze illegali) e non (gioco d'azzardo). Le attività sono svolte da un gruppo integrato di professionisti composto da medici, psicologi, sociologi, assistenti sociali, infermieri ed operatori socio-sanitari. Il servizio collabora con le associazioni del terzo settore operanti nel territorio provinciale, regionale e nazionale.

> Vedi anche: sito web Regione Toscana dedicato alle dipendenze

L’assistenza domiciliare comprende prestazioni mediche, infermieristiche, riabilitative e socio-assistenziali prestate direttamente a casa del paziente.

Primo livello: assistenza rivolta a persone parzialmente non auto-sufficienti o a rischio di emarginazione, che richiedono interventi di sostegno psico-sociale e di cura della persona (fornitura dei pasti, pulizia della casa, lavaggio della biancheria, igiene personale, aiuto per pagare le bollette).
Secondo livello: consiste in interventi di natura sanitaria. È dedicata a persone non autosufficienti o dimesse di recente dall’ospedale, che richiedono prestazioni infermieristiche, riabilitative, mediche o specialistiche.
Terzo livello: riguarda le situazioni più complesse e, infatti, si definisce Assistenza Domiciliare Integrata (ADI), poiché il servizio di assistenza medica è coordinato con quello socio-assistenziale.

Chi può accedere alle cure domiciliari
I requisiti indispensabili per l’attivazione delle cure domiciliari sono:
a. condizione di non autosufficienza (disabilità), di fragilità e patologie in atto o esiti delle stesse che necessitano di cure erogabili a domicilio;
b. adeguato supporto familiare o informale;
c. idonee condizioni abitative;
d. consenso informato da parte della persona e della famiglia;
e. presa in carico da parte del medico di medicina generale (garanzia degli accessi concordati, disponibilità telefonica dalle ore 8 alle 20)

Chi la può richiedere
Il medico di medicina generale, il medico ospedaliero, i servizi sociali, i familiari e il paziente stesso, possono richiedere ai servizi distrettuali di usufruire del servizio di assistenza domiciliare.

 Le medicine complementari disponibili nei servizi sanitari aziendali sono:

Per accedere alle strutture non occorre la prescrizione del medico curante. Il servizio è rivolto ai residenti della Regione Toscana.


  

Per approfondimenti sulle Medicine Complementari consulta il Notiziario regionale delle medicine complementari.
A cura di: Centri di riferimento regionale, Rete toscana di Medicina integrata, Azienda Usl Toscana nord ovest.

libera professione